Reggina, Baroni alla vigilia della SPAL: "Loro con tanta qualità, ma in B non ci sono gare ingiocabili"

26.02.2021 12:50 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
Reggina, Baroni alla vigilia della SPAL: "Loro con tanta qualità, ma in B non ci sono gare ingiocabili"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Marco Baroni, allenatore della Reggina, ha parlato in una conferenza su piattaforma online alla vigilia della partita al cospetto della SPAL, programmata sabato pomeriggio:

"Non dobbiamo arretrare di un millimetro, ma piuttosto fare un passo in avanti. In questa serie B è possibile fare tanti risultati positivi di fila, ma è molto facile cadere e incappare in un periodo negativo. Noi dobbiamo fare prestazioni importanti, dal punto di vista della determinazione e della voglia. La verifica del lavoro settimanale è poi la partita, noi non possiamo mai sbagliare la prestazione".

Su Menez: "Jeremy per noi è un calciatore importante. Cerco di leggere le partite e fare meno errori possibili nelle scelte. Negli ultimi 30 minuti delle gare cambiano i risultati e chi non parte dall'inizio non è bocciato. Chi subentra, spesso, può davvero essere determinante. Titolari e riserve sono cose vecchie. Il francese sarà della partita, avremo tre gare in una settimana, abbiamo bisogno dell'apporto di tutti".

Sulla sfida alla SPAL: "Dobbiamo stare attenti e concentrati. In serie B non ci sono partite ingiocabili, ma l'avversaria ha anche punti deboli. Loro hanno qualità, la SPAL ha fatto qualcosa di straordinario negli ultimi anni, ha tanti ragazzi che hanno fatto l'impresa delle promozioni e delle salvezze in A. Noi dobbiamo pensare al nostro lavoro, a quello che dobbiamo fare. Dobbiamo giocare con il piglio giusto e concedere pochi spazi. Ci misureremo con una squadra importantissima, che per i pronostici poteva puntare ai primi due posti: insieme a Lecce e Monza, sono tra le squadre più forti".

Sulla situazione dell'infermeria: "Situm è completamente recuperato, ma per scelta tecnica non è convocato. Lui è rientrato in squadra giovedì, ho ritenuto di dargli qualche giorno per lavorare dal punto di vista atletico. Faty non sta benissimo e Di Chiara non sta bene, l'ho mandato a casa e poi valutiamo se portarlo o meno. Kingsley ha avuto un risentimento muscolare e l'abbiamo fermato. Gasparetto è fuori per scelta tecnica e Rossi non sta bene".