2/LE PAGELLE DELLA STAGIONE: I DIFENSORI

03.06.2010 09:30 di Giovanni Cimino   Vedi letture
Carlos Valdez, simbolo di una difesa traballante
© foto di Federico De Luca
Carlos Valdez, simbolo di una difesa traballante

Seconda puntata dello speciale pagelle sulla stagione appena conclusa. Stavolta tocca alla difesa passare sotto la lente d'ingrandimento di tuttoreggina:

ADEJO: Con Novellino è stato penalizzato dal Mondiale under 20, per cui il tecnico di Montemarano lo esclude dalle sue scelte. Con Iaconi gioca subito a Lecce e viene posizionato sull'esterno destro, cercando di offrire la sua facilità di corsa e la sua prestanza tecnica. Ad Ascoli, il tecnico abbruzzese lo schiera a destra nella difesa a tre e lui è il migliore in campo, con interventi da vero difensore. E' questa la collocazione che gli si addice e nonostante qualche sparuta e negativa apparizione sulla fascia, gioca tutto il campionato lì e con Breda si stabilizza e fino a qulche domenica dalla fine è tra i migliori. Poi l'incantesimo si rompe un pò e subentra un pò di stanchezza e di deconcentrazione. Ma il ragazzo c'è ed è un patrimonio importante per la Reggina. VOTO:6,5 PRESENZE: 26

VALDEZ: Stagione sulle montagne russe. Assolutamente fallimentare nella prima parte, dove ne combina di tutti i colori, fra espulsioni, errori clamorosi in fase di disimpegno, deconcentrazione assoluta. Resta in disparte in una fase della gestione Iaconi, poi sotto Breda, anche con il concreto rischio retrocessione, sembra tornare lui, un difensore per lo meno concentrato e si esprime su buoni livelli. Troppo tardi, però, per agganciare il treno della nazionale uruguayana per i Mondiali in Sudafrica. VOTO: una media aritmetica tra il 4 della prima parte e il 6,5 della seconda equivale ad un 5 e mezzo. PRESENZE: 31  RETI: 1

LANZARO: Dovrebbe essere la stagione dell'addio, si vedrà. Non è stata affatto facile questa annata nemmeno per lui. Con Novellino era stato epurato e più volte messo sul mercato. Con la difesa a tre è riuscito per lo meno a riprendersi il posto in squadra e mantenerlo fino al termine. E' stato anche lui coinvolto nelle gravi difficoltà della squadra, ma è riuscito a mantenersi a galla ed a offrire un livello d'impogno sicuramente in linea con le attese. VOTO: 6 PRESENZE:32  RETI: 2

COSTA: La sua evoluzione principale è stata con Iaconi, che dalla fascia sinistra lo ha dirottato sulla linea dei tre difensori. Ma la sua annata è tutt'altro che positiva, viste le molte disattenzioni e la non giusta intensità mostrata. Si è aggiunto poi qualche contrattempo fisico a guastare ulteriormente i piani del giovane bolognese, che comunque ha l'opportunità di riscattarsi già a partire da agosto. VOTO:5   PRESENZE: 22 

SANTOS: Incubo, o quasi. Nella scorsa annata, nonostante la retrocessione, è riuscito a salvare la dignità personale e si attendeva come un punto fermo della difesa. Rientra a Frosinone e combina disastri. Non riesce mai a riprendersi pienamente e alla fine viene accantonato già da gennaio. VOTO:5   PRESENZE: 12

CAPELLI: Nonostante la giovane età, ha già una discreta esperienza in serie A. Novellino lo richiede come centrale di ricambio per il suo 4-4-2. Contro il Cittadella segna, ma è l'unico lampo della sua avventura amaranto, che pur senza demeriti, si chiude a gennaio, quando fa ritorna alla casa madre Atalanta, dove gioca regolarmente tutta la seconda parte del campionato di massima categoria. VOTO:5,5  PRESENZE:  12   RETI:1