REGGINA - De Francesco è vicino, come può essere utilizzato il "figliol prodigo"

11.08.2019 12:00 di Giovanni Cimino Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano/Tuttolegapro.com
REGGINA - De Francesco è vicino, come può essere utilizzato il "figliol prodigo"

Il filo diretto tra il ds della Reggina e organi d'informazione non reggini, ha prodotto la notizia dell'imminente passaggio di Alberto De Francesco alla Reggina. Anzi, per meglio dire, l'imminente ritorno del centrocampista romano.

Salito su carri poi deragliati, tanto da disputare appena 17 spezzoni di partita in un anno e mezzo allo Spezia, De Francesco è pronto a cospargersi il capo di cenere e tornare in quel Reggio Calabria lasciata in fretta e furia, con tanto di fascia di capitano sul braccio. In quella situazione i demeriti sono da distribuire, chi più chi meno, di certo qualche "mangiafuoco" che ha promesso il paese dei balocchi c'è stato: poi invece è arrivata la balena che si è divorata tutto.

Detto ciò, come può giocare De Francesco nel centrocampo di Toscano? Nella stagione 2016-2017 è stato impiegato da mezzala sinistra nella mediana a tre, con licenza di spaziare sulla trequarti. Con l'attuale concorrenza, quella di Sounas e Paolucci, difficilmente ci può essere spazio in quella frazione di campo. 

Nella stagione 2016-2017, per meglio dire i primi sei mesi, De Francesco è stato spostato in regia, con risultati discreti. Può essere l'alternativa a De Rose, per il quale però Toscano farebbe difficilmente a meno.

Qualche gara l'ha anche giocata da mezz'ala di destra, sempre del centrocampo a tre uomini e in quel caso qualche spazietto in più ci sarebbe, visto e considerato che Bianchi non ha alternative, con Marino e Zibert in uscita.

Con la Reggina ha collezionato 57 presenze e 5 reti.