REGGINA - Alimi e Santoro, chi scende e chi sale. Con l'interrogativo Laezza

10.06.2018 12:51 di Lorenzo Vitto  articolo letto 1720 volte
REGGINA - Alimi e Santoro, chi scende e chi sale. Con l'interrogativo Laezza

Isnik Alimi (1994) albanese, ultima stagione al Vicenza, di proprietà dell'Atalanta, rimane uno degli obiettivi del d.s. Taibi per il centrocampo amaranto. Continuano a discutere l'uomo del mercato calabrese, i suoi ex dirigenti bergamaschi e il procuratore.

Chi è Alimi, che l'ex portiere amaranto ha messo in cima alla lista dei desideri per la nuova linea mediana da consegnare a Roberto Cevoli (presentazione tra il 18 e il 19 di questo mese e ritiro al Sant'Agata tra il 10 e il 17 luglio)? Albanese di Struga, nato in Macedonia e in possesso anche del passaporto albanese, ha iniziato nell'Ohrid 2004 ed esordito a 17 anni nella massima serie macedone timbrando 14 presenze e 3 reti. Ingaggiato dal Novigrad (Croazia) nel 2012, rimane per pochi mesi senza presenze. E poi l'arrivo in Italia tesserato dal Chievo, che lo inserisce nella rosa della Primavera. In Veneto contribuisce al primo storico tricolore realizzando 7 gol in 16 gare, più 2 marcature in altrettante partite nella Final Eight. Dal Chievo al Lumezzane in Lega Pro (27 presenze e 2 gol), la cessione all'Atalanta che lo dà in prestito alla Maceratese. Per il mancino macedone-albanese anche un'esperienza al Forlì nel torneo 2016/17 e l'ultima stagione al Vicenza (34/2) con la vittoria e gol decisivo nello spareggio playout contro il Santarcangelo. Ha fatto parte dell'under 19 macedone e nell'under 21 albanese. Quale sarà il suo prossimo "porto"? L'Atalanta l'ha messo nuovamente in uscita, ma non vorrebbe più sostenere l'ingaggio da sola o partecipare al lauto compenso che percepisce. Così, ecco la frenata, con vista Reggio Calabria. Sembrava un'operazione in dirittura d'arrivo, ma ieri sera c'è stato un rallentamento. Tutto gira attorno all'aspetto economico, in quanto il calciatore ha un ingaggio che la Reggina da sola non può permettersi di garantire con l'Atalanta che cercherebbe società disposte ad accollarsi l'intero compenso. La pista, comunque, rimane sempre aperta, però è bene dire che Alimi è finito sul taccuino di altre squadre, con il Rimini al momento in vantaggio su tutte.

Più scorrevole la strada che porta al centrocampista 19enne Simone Santoro, siciliano di Messina ma di proprietà del Palermo. Con un contratto in scadenza a giugno 2020 e prossimo al prolungamento, la società rosanero sta valutando le varie richieste giunte in sede da club di serie C, con la Reggina stavolta in vantaggio. Per il messinese la stagione si è conclusa con 18 presenze e 7 gol nel campionato Primavera.

Riguardo Laezza, il difensore è contento di rimanere in amaranto, per di più con la fascia di capitano al braccio, ma la richiesta pervenuta al procuratore (strategie?) da un club di serie B, potrebbe fare saltare la permanenza a Reggio del calciatore.