LE PAGELLE DELLA REGGINA - Non basta un super Confente, spento Sandomenico. Spreca Tulissi

28.11.2018 22:40 di Antonino Sergi Twitter:   articolo letto 1374 volte
© foto di Giuseppe Scialla
LE PAGELLE DELLA REGGINA - Non basta un super Confente, spento Sandomenico. Spreca Tulissi

CONFENTE 7,5 - Non era facile metabolizzare l'errore di Catania in tre giorni, arriva una sconfitta anche a Catanzaro ma si riscatta pienamente. Se la Reggina non subisce un'imbarcata il grande merito è dell'estremo difensore. Magistrale la parata su Ciccone nella prima frazione.

KIRWAN 5,5 - Difficile tenere botta per tutta la partita alle sfuriate offensive degli avanti del Catanzaro, meglio nel primo tempo e cala nella ripresa. In più di un'occasione è costretto a rincorrere lo scatenato Kanoutè.

CONSON 5 - Serra le fila con Solini per quasi tutta la sfida, in più di un'occasione viene imbucato da Ciccone e Kanouté. Nei minuti finali viene sovrastato da Infantino che regala i tre punti al Catanzaro. 

SOLINI 6,5 - Grandi passi in avanti rispetto al difensore incerto delle prime giornate di campionato, sbaglia pochissimo nonostante gli avversari siano di un tasso tecnico superiore. Suo un grande salvataggio a pochi minuti dalla rete vittoria dei padroni di casa, sfiora anche la via del gol su azione di calcio d'angolo.

MASTRIPPOLITO 5 - Non una grande serata per il giovanissimo terzino amaranto, commette in avvio un errore di gioventù atterrando Kanouté e rischiando il cartellino rosso. La presenza di Statella gli complica oltre modo la partita.

TULISSI 5,5 - Prova a portare la croce per tutto il corso della sfida del Ceravolo, Emmausso gli offre un cioccolatino tutto da scartare ma colpisce male in piena area di rigore. Gli manca quell'incisività decisiva per fare la differenza. (Dal 84' VIOLA sv).

ZIBERT 6 - Costretto agli straordinari, difficile correre dietro ai palleggiatori della formazione di Auteri. In più di un'occasione ci mette una pezza, cala fisiologicamente nel finale.

MARINO 5,5 - Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Non convince e si estranea per lunghi tratti della partita, bravo a mordere le caviglie degli avversari meno in fase di impostazione. (Dal 84' TASSI sv).

SANDOMENICO 5 - La posizione non è probabilmente congeniale al furetto ex Juve Stabia, troppo lontano dalla porta di Furlan per rendersi pericoloso. Commette qualche errore non da giocatore del suo tasso tecnico. (Dal 46' FRANCHINI 6 - Il suo approccio non è pungente come al solito, non demerita in fase di possesso).

UNGARO 5 - Poteva essere il puntello capace di mettere in apprensione la retroguardia del Catanzaro, non riesce mai a rendersi realmente pericoloso. Troppo lezioso anche in possesso della sfera, perde un pallone sanguinoso nella propria metà campo che poteva costare caro. (Dal 57' ZIVKOV 5,5 - Continua a non convincere, l'azione della rete del Catanzaro nasce dal suo versante e fallisce un traversone che poteva risultare decisivo nel finale).

EMMAUSSO 6 - Fin dall'inizio della partita si nota che è in palla, punta spesso l'avversario è ingaggia diversi duelli con i difensori del Catanzaro. Offre un grande pallone poi sprecato da Tulissi, ci prova dal limite ma con poca precisione. (Dal 75' BONETTO sv).

CEVOLI 5 - Con il suo 4-2-4 mascherato prova a dare un'impronta più offensiva alla squadra ma manca l'equilibrio, spesso gli amaranto si trovano scoperti sugli assalti del Catanzaro nel primo tempo. Nonostante i quattro attaccanti, il reparto avanzato rimane ancora a secco. Manca la prima punta, una mezza scusante ma senza gol diventa tutto terribilmente più complicato.