SERIE C GIRONE C - I provvedimenti del Giudice Sportivo dopo la diciannovesima giornata: Matera senza medico sociale, due giornate di stop ad Auteri

27.12.2018 20:39 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 503 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
SERIE C GIRONE C - I provvedimenti del Giudice Sportivo dopo la diciannovesima giornata: Matera senza medico sociale, due giornate di stop ad Auteri

Ecco i provvedimenti del Giudice Sportivo dopo la diciannovesima giornata del girone C della serie C:

PROVVEDIMENTI verso CALCIATORI:

Tre giornate di stop: Della Corte (Paganese)

Due giornate di stop: Scarpa (Paganese)

Una giornata di stop: Sirri (Virtus Francavilla), Iuliano, Riggio (Catanzaro), Silvestri (Cavese), Vicente (Juve Stabia), Ferrini (Sicula Leonzio)

 

PROVVEDIMENTI verso DIRIGENTI e ALLENATORI:

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 21 GENNAIO 2019 E AMMENDA € 500.00 per GALLO CARMINE (dir. CATANZARO) "per aver tenuto un comportamento irriguardoso nei confronti degli organi federali".

Due giornate di stop: Auteri (all.Catanzaro) "per aver proferito espressioni blasfeme e tenuto comportamento irriguardoso e intimidatorio nei confronti degli organi federali".

Una giornata di stop: Cassia (all.in 2a Catanzaro) "per aver tenuto un comportamento irriguardoso nei confronti degli organi federali".

 

PROVVEDIMENTI verso SOCIETA':

€ 1.500,00 MATERA per assenza del medico sociale durante la gara.

€ 1.500,00 SIRACUSA perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore alcuni petardi di notevole potenza, senza conseguenze.

€ 1.000,00 CATANZARO perché persone non identificate ma riconducibili alla società durante la gara e a conclusione della stessa tenevano un comportamento irriguardoso nei confronti degli addetti federali e dell'arbitro.

€ 500,00 JUVE STABIA perché gli occupanti della panchina trattenevano due palloni al fine di condizionare la ripresa del gioco.

€ 500,00 PAGANESE perché propri tesserati in campo avverso danneggiavano la porta degli spogliatoi loro riservati (obbligo risarcimento danni se richiesto, r.c.c.).