SERIE C - Gaz.Sport: "Pordenone e Juve Stabia, una vittoria e sono in B"

20.04.2019 11:58 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
SERIE C - Gaz.Sport: "Pordenone e Juve Stabia, una vittoria e sono in B"

"Pordenone e Juve Stabia, una vittoria e sono in B", titola oggi Gazzetta dello Sport nelle pagine nazionali.

"Lo champagne è in frigo da giorni. Per stapparlo già oggi, a Pordenone e Juve Stabia basta una vittoria, rispettivamente, contro Gubbio e Vibonese. Un successo che sancirebbe per entrambe la matematica promozione in Serie B con 2 turni d’anticipo.

PRIMA VOLTA Mai stati in B, tabù (quasi) esorcizzato per i friulani dopo 2 semifinali playoff perse (contro il Pisa di Gattuso e il Parma di D’Aversa, ndr) negli ultimi 3 anni. Oltre 300 i tifosi neroverdi che seguiranno oggi la squadra in Umbria per scrivere la storia. Artefice principale della scalata Attilio Tesser. Il Komandante , come è soprannominato il tecnico di Montebelluna, si appresta a centrare la quarta promozione della carriera dopo quelle con Novara (doppio salto dalla C alla A tra il 2009 e il 2011) e Cremonese (promosso in B nel 2017). Un primato nel girone B all’insegna di investimenti oculati e acquisti mirati da parte del presidente Mauro Lovisa, che rilevò la società in Eccellenza nel 2007 e in 12 anni è arrivato alle soglie della B. Sul campo dirige l’orchestra Toto Burrai, pupillo di Zeman ai tempi del Foggia e specialista dei calci piazzati (7 gol e 12 assist), le cui magie sono diventate virali sui social. Promozione possibile anche in caso di pareggio (a patto che la Triestina non vinca) e sconfitta (se anche la squadra di Pavanel perde).

RITORNO La Juve Stabia si accinge, invece, a ritrovare il palcoscenico della B dopo l’amara retrocessione del maggio 2014. Cinque anni dopo Castellammare sarà vestita a festa. Attesi al Menti 13 mila tifosi per un sold-out da record. E pensare che la stagione era incominciata con la paura di sparire. A giugno il club sembrava in bilico, con iscrizione in ritardo e relativa penalità in classifica (-1). I sacrifici del patron Franco Manniello hanno permesso ai gialloblù di essere ai nastri di partenza. Il mix di gioventù (Mastalli, Calò, Elia) ed esperienza (Paponi, Mezavilla, Branduani) costruito dal d.s. Ciro Polito e plasmato da Fabio Caserta ha fatto il resto. Un giocattolo quasi perfetto quello della squadra stabiese, capace di restare imbattuta per 30 giornate e con la miglior difesa del calcio professionistico italiano (appena 15 reti subite). Numeri che la dicono lunga sul dominio nel girone C delle Vespe, volate in vetta fin dalle prime gare. La vittoria contro la Vibonese vale la B, altrimenti in caso di pareggio o sconfitta la promozione potrebbe arrivare lo stesso, qualora il Trapani non vinca a Rende (il -4 in realtà è un -7 dato che nel prossimo turno i campani avranno i 3 punti a tavolino col Matera). Cin-cin, Juve Stabia e Pordenone preparano il B...rindisi promozione", si legge.