IL FUTURO della SERIE C - Seconde squadre, ci siamo, gli esempi delle altre nazioni: in Germania sono il passato

12.05.2018 12:28 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 651 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
IL FUTURO della SERIE C - Seconde squadre, ci siamo, gli esempi delle altre nazioni: in Germania sono il passato

Seconde squadre in serie C, dalla prossima stagione agonistica il progetto diventerà realtà.

Nelle altre nazioni, le seconde squadre sono un argomento oramai passato di moda, quasi dimenticato. Se in Spagna (come abbiamo visto nel precedente approfondimento, CLICCA QUI) le "filiales" militano anche in serie B e comunque ancora forniscono qualche calciatore alle Prime Squadre, in Germania sono quasi un ornamento per completare il tabellone dei campionati minori.

Sino al 2014, i club di Bundesliga erano obbligati ad allestire la squadra B per ottenere l'iscrizione al campionato. Poi, la Federcalcio tedesca ha abolito l'obbligo e difatti alcuni club, tra cui il Lipsia, il Bayer Leverkusen e l'Eintracht Francoforte hanno "chiuso" la squadra B. Il motivo è presto detto: i club tedeschi lanciano con più frequenza nelle loro squadre i giovani del vivaio o comunque preferiscono anche mandarli in prestito.

Nelle seconde squadre possono giocare solo gli Under 23, con l'eccezione di tre fuori quota tra campo e panchina, mentre devono essere inseriti in due campionati inferiori rispetto alle squadre principali. Nella C tedesca milita solo il Werder, le altre sono nelle categorie inferiori: ad esempio, il Bayern Monaco II milita in quarta serie.