SIRACUSA-REGGINA - Il tecnico Raciti in sala stampa: "Abbiamo messo sotto per 60' una grandissima squadra. Il secondo gol ci ha tagliato le gambe"

12.02.2019 00:41 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 1598 volte
© foto di Giuseppe Scialla
SIRACUSA-REGGINA - Il tecnico Raciti in sala stampa: "Abbiamo messo sotto per 60' una grandissima squadra. Il secondo gol ci ha tagliato le gambe"

Enzo Raciti, tecnico del Siracusa, ha parlato così in sala stampa dopo il ko contro la Reggina:

"Avevamo preparato la partita consapevoli che di fronte avevamo una squadra brava nel palleggio, dovevamo togliere tempo e spazio nella loro metà campo, siamo stati bravi nel primo tempo e nei primi quindici della ripresa, poi un episodio ha cambiato la gara, quel tiro-cross forse deviato un pò dal vento. Lì è venuta fuori la mancanza di esperienza, ho messo dentro cinque attaccanti, il secondo gol ci ha tagliato le gambe. Meritavamo qualcosa di più, il momento però è questo, dobbiamo solo pensare a lavorare".

Continua Raciti: "Stasera abbiamo incontrato una squadra fortissima, abbiamo preso gol su un episodio, fino ad allora non ricordo conclusioni da parte della Reggina. Dopo il loro gol c'è stata una reazione rabbiosa e nervosa e qui sta l'esperienza, una squadra esperta aspetta prima di reagire. Dovevamo cercare di restare in partita".

Sulla contestazione dei tifosi: "Dopo tre ko di fila, la contestazione e l'amarezza dei tifosi ci può stare. Siamo amareggiati noi, figuriamoci il tifoso. E' giusto che la tifoseria manifesti il proprio disappunto, peraltro molto civile. Non siamo cotti o rassegnati, lotteremo su ogni pallone sino all'ultimo secondo di questo campionato. Ci dispiace aver dato una delusione a tutti, ma garantisco il massimo impegno possibile".

Sulla corsa salvezza: "In basso si va molto piano, anche un punto è utile. Non possiamo fare tabelle, dobbiamo solo considerare ogni partita come una finale".