CATANIA-REGGINA - La moviola: Ayroldi non ne becca una

16.05.2019 10:35 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
CATANIA-REGGINA - La moviola: Ayroldi non ne becca una

Davvero scarso l'arbitraggio del signor Ayroldi, ultima generazione di una dinasta di arbitri e guardalinee. Ma vedendo la prova offerta ieri, difficilmente potrà raggiungere la serie A.

Pronti via, Strambelli bullizzato dai "bravi" Biagianti e Rizzo, scene da piazzette di periferia, per tutta risposta Ayroldi ammonisce il 29 amaranto, preso peraltro dal collo dal Vincenzino Sarno.

Al minuto 8', entrataccia del signor Rizzo su Bellomo, Ayroldi lascia fare

Prima del gol della Reggina, il Catania si prende 20 metri in più per battere una rimessa laterale, mentre in precedenza Salandria aveva subito il cambio battuta per una "furbata" simile, ma di 3-4 metri.

Al 44', gol annullato alla Reggina. Cross dalla destra, tocca Solini e Gasparetto è al di là dell'ultimo uomo: giusta la decisione presa dal guardalinee.

Al 49', cartellino "arancione" per Marchese, che azzoppa il povero Salandria: l'ineffabile signore di Molfetta non alza neanche il giallo.

Al 60', infine, l'episodio che probabilmente  negherà a Ayroldi la serie C. Punizione di Strambelli, Sarno allarga la mano e tocca la palla. Lo vedono anche su Plutone, l'unico in tutto lo stadio che si copre gli occhi è Ayroldi, che peraltro sbaglia anche tecnicamente, visto che si colloca lontanissimo dal punto di battuta. Ci stava anche il secondo giallo per Sarno, ammonito al 1' in occasione dell'indegna caccia all'uomo su Strambelli e la gara era sul 3-1. Inoltre, Ayroldi non assegna neanche il calcio d'angolo!

Missione dunque lì compiuta, complice anche una Reggina disastrosa, al pari del signore con la giacchetta nera: VOTO 3