Svolta a Messina, accordo Arena-Città di Messina: rinasce l'FC Messina

11.06.2019 10:28 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Svolta a Messina, accordo Arena-Città di Messina: rinasce l'FC Messina

L'alba del nuovo giorno del calcio messinese è (forse) iniziato. L'imprenditore Arena ha raggiunto l'accordo Maurizio Lo Re, patron del Città di Messina, l'altra squadra peloritana in serie D. Saltato l'accordo con l'Acr di Sciotto, Arena ha rotto gli indugi ed è pronto a riprendersi in mano l'FC Messina di Franza.

A parlarne Gazzetta dello Sport nelle pagine Sicilia e Calabria:

L’accelerazione nella domenica più calda del 2019, la scorsa. L’accordo che rompe tutti gli equilibri e ridisegna gli scenari del calcio a Messina. Rocco Arena, imprenditore milanese ma di origini messinesi, che opera nel comparto del facility management e che in Spagna è proprietario dell’Alicante - club di quarta serie - ha trovato l’intesa con Maurizio Lo Re, patron del Città di Messina. Nascerà così il F.C. Messina: naming e logo non di certo anonimi, perché sono quelli del club che ha fatto la storia in riva allo Stretto. Quello del triennio in Serie A con al timone il presidente Pietro Franza, che regalerà ad Arena il marchio della “belle epoque” del calcio giallorosso.

La ratifica nei prossimi giorni: «Stiamo lavorando – assicura Arena - per realizzare un progetto che dia alla città qualcosa di importante. Con Lo Re c’è stato un feeling immediato». Quello che è mancato con Sciotto, insomma: «Beh, le dinamiche di queste settimane lo evidenziano. Mi ha detto che vendere il Messina non era come vendere mozzarelle. Quello che è accaduto in queste ore ha dimostrato che lui voleva fare business, io calcio. Ecco, forse l’errore di valutazione era il suo, non il mio». Due obiettivi chiave? «Vincere il campionato e strutturare un grande settore giovanile». Il d.g. sarà l’ex bomber Marco Ferrante.

L’Acr va avanti da sola

Una matassa assai ingarbugliata, questa, perché oggi Messina si ritrova di fronte ad un bivio: due progetti sportivi, peraltro ambiziosi in Serie D, che rischiano di spaccare la tifoseria. L’Acr Messina, infatti, potrebbe rimanere in piedi: «Con il supporto delle istituzioni e della tifoseria – assicura il presidente Paolo Sciotto – andremo avanti. Con umiltà, ripartendo dagli errori commessi nel primo biennio. Un progetto unico con Arena? Abbiamo visioni inconciliabili».