Gaz.Sport:"Capolinea Palermo, niente soldi. Arkus in fuga.Ferrero per la D"

28.06.2019 10:26 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Gaz.Sport:"Capolinea Palermo, niente soldi. Arkus in fuga.Ferrero per la D"

Povero Palermo, al centro di una disputa con contorni farseschi. Su Gazzetta dello Sport le ultime dall'isola, con possibili risvolti futuribili.

"Capolinea Palermo, niente soldi. Arkus in fuga. Ferrero per la D", il titolo dell'articolo odierno dedicato alla situazione rosanero.

"Che il destino del Palermo sia segnato è scritto sui volti marcati di rabbia dei dipendenti della società che hanno incontrato il sindaco Orlando. Il loro futuro è sconvolto da questa vicenda pirandelliana che si arricchisce ogni giorno di situazioni paradossali. Hanno assistito alla conferenza stampa nella quale il primo cittadino si è già proiettato verso lo scenario peggiore, descrivendo, nel caso di mancata iscrizione in B, le mosse che adotterà di concerto con le istituzioni del calcio con le quali è in contatto.

I segnali che arrivano dalla Figc sono inequivocabili. «Sul Palermo ci sono avvisaglie preoccupanti – ha spiegato il presidente Gravina - Sono operazioni che richiederanno molta attenzione, non solo per quel che riguarda gli organi della giustizia sportiva. Non è arrivata nessuna proprietà, non avevamo ancora autorizzato nulla. Le nuove norme sono molto severe, avendo intuito le qualità di alcuni personaggi abbiamo dato la possibilità di agire solamente a livello civile. E credo che la black list si arricchirà di nuovi soggetti...».

Come se non bastasse, il Cda, chiuso ieri mattina, ha preso atto di alcune mancanze. Il presidente Albanese, rimasto l’unico dirigente in città per la fuga da una porta secondaria del d.g. Lucchesi e dell’a.d. Bergamo per dribblare la rabbia dei tifosi, ha tirato le somme. «Abbiamo fatto una verifica documentale e abbiamo visto che non tutti i documenti presentati per l’iscrizione erano stati dati al Cda. Non ci è stata data la verifica documentale dei versamenti. Il Cda ha convocato una nuova assemblea per il 5 luglio. Ci sono dei passaggi obbligati, l’assemblea è sovrana. Si determinerà il futuro delle società Palermo FC e US Città di Palermo. Oggi provo grande dolore per tutti, ma ho fatto tutto quanto mi era possibile».

Chi continua a perseverare su una linea paradossale è Arkus Network che, da Roma, comunica attraverso videomessaggi, evitando il contraddittorio, nei quali Salvatore Tuttolomondo si fa vedere accanto ai rappresentanti della Lev Ins, la compagnia assicurativa bulgara, per attestare il rilascio della fideiussione dopo la truffa del broker. Arkus ribadisce la solidità finanziaria del gruppo, nonostante le scadenze non rispettate e inadempimenti accertati. E a proposito dei pagamenti non effettuati, per i quali anche ieri i giocatori hanno ribadito che denunceranno il gruppo, dice: «I soldi c’erano e ci sono ancora, è stata l’incertezza sulla garanzia fideiussoria che ci ha impedito di provvedere al resto degli adempimenti. Non decade nessun titolo sportivo, la mia è una battaglia fino alla fine». Il Palermo, però, è vicino al capolinea. E lo scenario della D sta producendo molti interessi. Il sindaco ha confermato di avere parlato con Ferrero e Mirri, ma non solo. «Ho ricevuto sms anche da Hong Kong». Nell’ipotesi di mancata iscrizione, proprio Mirri, imprenditore locale, potrebbe avere una marcia in più", si legge.