COMBINE AVELLINO-REGGINA - Le sentenze di primo grado della giustizia ordinaria: un anno a Millesi per frode sportiva

13.03.2018 11:27 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 963 volte
© foto di Tommaso Sabino/TuttoLegaPro.com
COMBINE AVELLINO-REGGINA - Le sentenze di primo grado della giustizia ordinaria: un anno a Millesi per frode sportiva

Dopo la giustizia sportiva, che ha comminato alcune squalifiche ai calciatori implicati e penalizzazione in punti all'US Avellino, il gup del Tribunale di Napoli Marcello De Chiara ha emesso la sentenza relativa alle due gare di serie B 2012-2013, Avellino-Modena e Avellino-Reggina, che sarebbero state combinate.

Francesco Millesi, ex calciatore irpino, ha scelto il rito abbreviato ed è stato condannato ad un anno (pena sospesa) per la frode sportiva, mentre è stato assolto per il reato di concorso esterno in associazione a delinquere

A Luca Pini, altro imputato coinvolto e in passato calciatore dell'Avellino,  sono stati inflitti 3 anni e sei mesi anche per concorso esterno in associazione mafiosa. Antonio Accurso, presunto esponente del clan, accusato di aver corrotto i calciatori, è stato condannato a 4 mesi (riconosciuta l'attenuante della collaborazione). I tre hanno scelto il rito abbreviato.

I presunti illeciti emersero nell'ambito delle indagini sul clan dei Vanella-Grassi. Il clan avrebbe alterato i risultati per incassare le vincite delle scommesse.

A breve toccherà ad Armando Izzo, difensore del Genoa e della Nazionale, ai tempi in forza all'Avellino: il calciatore ha da poco finito di scontare la squalifica di sei mesi.

Ricordiamo che, pur avendo dimostrato sia la giustizia sportiva che quella ordinaria, che la gara del 25 maggio 2013, Avellino-Reggina, era stata combinata, nessun tesserato della fu Reggina Calcio è stato coinvolto nel caso.