CALCIO VIOLENTO - Il Giudice Sportivo si esprime sul caos durante Az Picerno-Taranto: no sconfitta a tavolino per i lucani, la C è salva. Ma uno steward ha aggredito i calciatori ospiti con un tirapugni!

20.04.2019 11:25 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Luigi Gasia/TuttoNocerina.com
CALCIO VIOLENTO - Il Giudice Sportivo si esprime sul caos durante Az Picerno-Taranto: no sconfitta a tavolino per i lucani, la C è salva. Ma uno steward ha aggredito i calciatori ospiti con un tirapugni!

Neanche nei peggiori campi di Terza Categoria. Assurdo quanto successo nell'intervallo di Az Picerno-Taranto, gara valida per la trentaduesima giornata del girone H della serie D e che di fatto ha assegnato la matematica certezza del salto in C della formazione lucana.

Il Giudice Sportivo ha rigettato il ricorso del Taranto, che ha denunciato un clima gravemente intimidatorio perpetrato da addetti alla sicurezza e dirigenti della squadra locale, ma l'organo di giustizia sportiva ha nel contempo ammesso che uno steward si è armato di un tirapugni e ha colpito tre calciatori dei pugliesi. Senza parole...

Di seguito ecco quanto deciso dal Giudice Sportivo, in attesa che l'iter si possa concludere con gli altri gradi di giudizio:

AZ PICERNO - TARANTO F.C. 1927 S.R.L.

Il Giudice Sportivo, - esaminato il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio dalla TARANTO F.C. 1927 S.R.L., con il quale si deduce l'irregolare svolgimento della gara in epigrafe, in ragione di condotte violente perpetrate da "un gruppo di persone riconducibili alla società Picerno" ai danni dei propri calciatori, che avrebbero avuto l'effetto di determinare "l'inevitabile sostituzione degli stessi [e] una stravolgimento indebito ed illegittimo della formazione titolare";

- lette le controdeduzioni fatte pervenire dalla A.S.D.P. AZ PICERNO, con le quali si deduce la genericità e infondatezza, nel merito, del reclamo di controparte;

- esaminati gli atti ufficiali di gara e rilevato come da essi emerga un quadro non del tutto coerente con la ricostruzione offerta dal sodalizio reclamante.

Se da un lato, infatti, emerge con chiarezza che uno steward della A.S.D.P. AZ PICERNO, aggrediva con un "tirapugni in ferro" alcuni calciatori del TARANTO F.C. 1927 S.R.L., dall'altro lato, i calciatori aggrediti non risultano identificati e, peraltro, uno dei calciatori che il Taranto include tra i "sostituti", il n. 86 CROCE ANTONIO successivamente condotto presso l'Azienda Ospedaliera Regionale S. Carlo di Potenza per accertamenti insieme al n. 4 MANZO STEFANO e al n. 94 FAVETTA CIRO;

- risulta, invero, espulso dall'arbitro nel corso dell'intervallo, per aver reagito all'aggressione subita da alcuni compagni tentando di colpire con 3 pugni l'addetto alla sicurezza del Picerno;

- rilevato come le condotte emergenti dagli atti ufficiali di gara e riconducibili alla responsabilità dell'A.S.D.P. AZ PICERNO sono già oggetto di sanzione nel presente comunicato;

- rilevato l'insondabilità della tesi che tenta di far discendere dalla presunta ricostruzione in fatto una "chiarissima carenza della necessaria vis psicologica per affrontare il secondo tempo" e, per tale via, pervenire ad una dichiarazione di "irregolare svolgimento della gara", anche alla luce del tenore dell'art. 17, comma 1 CGS, ai sensi del quale "Non si applica la punizione sportiva della perdita della gara qualora si verifichino fatti o situazioni, imputabili ad accompagnatori ammessi nel recinto di giuoco o sostenitori della società, che abbiano comportato unicamente alterazioni al potenziale atletico di una o di entrambe le società.";

P.Q.M.

Delibera:

1) di respingere il reclamo;

2) di convalidare il risultato della gara conclusasi con il seguente punteggio: A.S.D.P. AZ PICERNO - TARANTO F.C. 1927 S.R.L. 0- 0;

3) di addebitare sul conto della TARANTO F.C. 1927 S.R.L. la tassa di reclamo.

 

Il Giudice ha poi punito il club lucano con un'ammenda di 3mila euro e una gara da disputare a porte chiuse:

SQUALIFICA DEL CAMPO DI GIUOCO PER UNA GARA EFFETTIVA – CAMPO NEUTRO PORTE CHIUSE – AMMENDA € 3.000,00: AZ PICERNO

Per avere un proprio addetto alla sicurezza, durante l'intervallo, nell'area degli spogliatoi, colpito alcuni calciatori della squadra ospite con un tirapugni in ferro. Tale condotta di inusitata violenza, creava un clima di grande tensione rendendo necessario l'intervento delle Forze dell'Ordine e l'allontanamento degli addetti alla sicurezza, nonché un ritardo nella ripresa del gioco di circa 30 minuti. ( R A - R AA - R CdC )