L'ANGOLO DEI TIFOSI - Ecco le nuove mail

31.10.2018 21:57 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 582 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
L'ANGOLO DEI TIFOSI - Ecco le nuove mail

Ecco i pensieri dei tifosi amaranto pervenuti alla nostra casella mail.

Potete continuare ad inviare le vostre considerazioni all'indirizzo tuttoreggina@libero.it, pregandovi di essere rispettosi e rimanere nei limiti della dialettica.

 

Buongiorno a voi 

Leggo della letterina prenatalizia del sindaco Giuseppe Falcomatà e mi domando: ma questa lettera avrebbe potuto scriverla un qualunque cittadino. Non mi piace soprattutto il pezzo dove tira in mezzo i cittadini di Reggio Calabria come a voler dire che se così non facesse farebbe uno sgarbo a noi. Ma mi domando: ma negli anni passati quando altri creavano queste pendenze questa amministrazione comunale dove era? Perché non si faceva sentire? (Stesso identico discorso vale per le amministrazioni comunali precedenti con Foti). Io non voglio assolutamente parlare di interessi privati perché non ci credo minimamente,  ma che questa amministrazione abbia fatto la debole con i forti e la forte con i deboli mi sembra lampante E SE SI HA LA PRETESA DI VOLERE AMMINISTRARE UNA CITTÀ QUESTA COSA NON PUÒ ESSERE AMMESSA!

A questo punto la soluzione l'avrei io: considerato che "Reggio è rinata" considerato che sono state poste le basi per un futuro roseo, auspico che Coppolino e Praticò consegnino le due maggiori espressioni sportive della città in mano al sindaco in modo tale che lui possa trovare investitori e dopo la città far rinascere anche la Viola e la Reggina, in caso contrario (ma impossibile visto che governa benissimo) passerà alla storia come il sindaco che avrà fatto scomparire Viola e Reggina.

Saluti

Demetrio (Torino)

LA REDAZIONE RISPONDE: A prescindere da qualche zona d'ombra del discorso impostato da Aurelio Coppolino, al quale sin dal primo giorno abbiamo fatto i nostri auguri per doversi interfacciare con amministratori e burocrati locali, il discorso che si debba rispettare la legge è essenziale. Ci permetta però il sindaco Falcomatà, di far notare che la sensazione del cittadino comune è che ci sia una sorta di disparità di trattamento tra alcuni cittadini e altri. In ogni caso, Falcomtà ne è consapevole, che se la Viola chiude la responsabilità non è solo di Coppolino. Il problema è sempre lo stesso: negli anni scorsi, quali burocrati si sono resi responsabili e complici degli insoluti della Viola Basket? Si rintraccino e si esonerino dai ruoli, demandandoli ad altre responsabiliità.

 

Buongiorno,

da reggino e da abbonato, che non può beneficiare della possibilità di seguire allo stadio la propria squadra, pur avendone acquisito il diritto, stante il pagamento del costo dell'abbonamento, reputo necessario esternare delle lamentele.

Gli amministratori del Comune di Reggio, certamente sono consapevoli del danno economico subito dai circa 2000 abbonati e dei sacrifici fatti.

Sono pure a conoscenza, come previsto nei contratti d'appalto, dei tempi di esecuzione dei lavori e quindi dei termini di ultimazione degli stessi.

Ad oggi, da parte del Comune, non è stato diramato nessun comunicato per informare noi abbonati circa i tempi di utilizzo dello stadio. Reputo che un minimo di buon senso e di rispetto, verso duemila persone accomunate dalla passione per la squadra del cuore, dovrebbe indurre chi riveste incarichi di responsabilità ad essere più trasparente e garantista. Non resta che prendere atto della totale indifferenza e del disinteresse nei confronti di questa frangia di tifosi ai quali resta soltanto l'amarezza di essere ignorati.

Cordialità

Carmelo 

LA REDAZIONE RISPONDE: Carmelo, la "supercazzola" rifilata dall'Amministrazione sul Granillo porta il nome di "cronoprogramma". Prima hanno parlato di 18 ottobre consegna lavori e stadio agibile, salvo poi iniziare i lavori il 17 ottobre (senza comunicarlo alla cittadinanza e ai tifosi abbonati della Reggina), oggi non hanno comunicato alcuna data, come vorrebbe la trasparenza di un vero rapporto tra governanti e governati. Checché ne dicano gli attuali amministratori e anche i vari critici, le vittime sono solo i cittadini reggini e i tifosi che hanno scucito soldi e sottoscritto l'abbonamento.