L'ANGOLO DEI TIFOSI - Ecco le nuove mail

01.10.2018 11:42 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 500 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
L'ANGOLO DEI TIFOSI - Ecco le nuove mail

Ecco i pensieri dei tifosi amaranto pervenuti alla nostra casella mail.

Potete continuare ad inviare le vostre considerazioni all'indirizzo tuttoreggina@libero.it, pregandovi di essere rispettosi e rimanere nei limiti della dialettica.

Viste le tantissime mail pervenute, le stesse saranno pubblicate tra stasera e domani.

 

Di solito non scrivo subito dopo la partita, ma adesso la misura è colma e serve uno sfogo. Da vecchio tifoso non avrei mai pensato di vedere uno sfascio come quello a cui stiamo assistendo, su tutti i fronti, dalle strutture, alla società, che cambia tutto e tutti ogni sei mesi e che rischia multe e penalizzazioni,  alla squadra, che oggi non può essere definita tale ma un insieme di undici calciatori in libertà su un prato in prestito, dietro un pallone che fa paura. Non parlo dell’impegno di alcuni singoli che hanno dimostrato comunque di  lottare, ma della completa assenza di gioco di squadra.  Non posso, oggi, che associarmi al malumore degli altri che vi hanno scritto prima della partita, anche se spero sempre in una ripresa.  

Antonino da Padova

 

Buonasera , sono d'accordo con il vs primi commenti .

Una squadra inesistente senza ne anima ne corpo .

Dalla prima di Trapani avevo scritto che il buongiorno si vede dal mattino !! 

Alla terza, ci risiamo , come le due ultime stagioni è stata costruita una squadretta da quartultimo quintultimo posto che lotterà per non retrocedere in D .

No mi stupisco quindi se il numero degli spettatori è in forte flessione . 

Spero tanto di essere smentito però ad oggi e con queste premesse non si va da nessuna parte altro che play-off !!!

Da aggiungere quest'anno il problema del Granillo che si aggiunge alla già precaria situazione Societaria .

Sono veramente dispiaciuto ,

penso che voi capirete lo stato d'animo di noi tifosi .

Saluti

Antonello

 

Gentma Redazione

grazie a voi,possiamo esprimere le ns opinioni,sperando che vengano lette anche dalla dirigenza.Ancora una sconfitta( Monopoli) a causa di errori grossolani,da parte di calciatori mediocri ed allora viene scontata una domanda: chi ha voluto questo organico?Tutti noi siamo convinti che Taibi come responsabile tecnico ha avuto questo compito.Allora pensiamo che sia colpa dell'allenatore che non sa sfruttare meglio gli uomini che sono stati messi a disposizione dal direttore tecnico.Io sono propenso ad assolvere sia l'uno che l'altro,in quanto la loro provata fede reggina e la loro fiducia nella Reggina calcio e' falsata dal fatto che si trovano ad operare con una societa' che nulla a che fare con quella che avevano conosciuto.Hanno accettato il loro compito con entusiasmo,convinti che la societa' pur nuova,,era organizzata come la societa' gestita da quel vecchio presidente che loro avevano conosciuto e da quei tifosi che in massa si presentavano allo stadio.La musica e' cambiata,vi sono poche risorse,tanto che non si riesce a presentare una fidejussione valida,non si riesce a mantenere il Sant'Agata per gli allenamenti,non si puo' avere un budget che permetta di pensare ad un salto di categoria nel tempo.Molti tifosi ringraziano l'attuale presidente,perche' ha salvato il calcio a Reggio, non c'e' dubbio che sia cosi,ma tenendo sempre l'acqua alla gola o tenendo in vita un malato terminale con accanimenti terapeutici.Si valorizzino i giovani in questo campionato,si riparta da un campionato minore ,sperando che venga fuori un progetto " Reggio" e che il rilancio di una citta' che muore,possa portare imprenditori di tal nome e che possano intravedere una convenienza nel rilanciare il calcio a Reggio e far rinascere la sempre cara Reggina.Penso che di fronte ad un cambiamento nella vita politica e sociale,oltre che a portare vantaggi ai cittadini,puo' spingere alcuni calabresi che amano la loro terra e che hanno dovuto cercare fortuna altrove(Frutto del loro lavoro) possino investire nella loro terra.(Il sigr Comisso voleva acquistare il Milan e se non investe pochi spiccioli nella sua terra ci sara' un motivo)Io fino ad allora non seguiro' piu' questa squadra e cosi non verro' preso in giro da amici,che fino a qualche anno fa ci ammiravano,pur avendo fatto come tutti gli anni l'abbonamento completo a Elevensport(Spero che parte di questi soldi buttati vadano alla attuale societa' anche se una goccia nel mare delle spese.).Vi ringrazio ancora e vi saluto cordialmente anche se  mi taccierete di pessimismo,ma siamo sempre alle solite.

A voi ed ai tutti i tifosi un caro saluto

Vittorio da Cesena

 

RITIRATEVI. .....basta  con queste oscenità      

Mimmo (Carpi)

 

Qualche giorno fa leggevo un articolo dal titolo, che se non erro, citava "Ma cosa l'avete iscritta a fare". Qualche giorno fa mi sono irritato perchè pensavo di dover dare fiducia...qualche giorno fa!
Ma oggi? Squadra mediocre, allenatore più che mediocre.... società?
Se questa è una società di calcio, il Presidente lo posso fare anch'io.
Senza soldi, senza Stadio senza campi per allenarsi, con una penalizzazione da brividi.... ma cosa l'avete iscritta a fare.....!!!!

Francesco

 

Buonasera

dopo parecchio tempo ho deciso di scrivere per esprimere tutta la mia  delusione riguardo la Reggina, e mi "limito" solo al calcio giocato.

Io come altri   migliaia di Tifosi avevo riposto molta fiducia nella nuova società, pensavo che la nuova Poprietà riuscisse a farci dimenticare il vomitevole operato di Lillo & Company,....invece siamo qui  a piangere.

Ma è davvero cosi difficile fare calcio in Lega Pro ?

Il Monopoli ci maltratta come fosse il Real Madrid contro una squadretta dell'oratorio,il Trapani ci manda a casa con 3 polpette.... di questo passo mi pento di aver fatto l'abbonamento...

Possibile che a Reggio non ci sia un "......." che abbia quattro soldi da investire nel calcio ?

Che problemi ci sono?

Comunque Forza Reggina

Angelo

 

Gentile Direttore.

Da quando il Sig. Pratico’ & soci, hanno preso la Reggina, si e’ parlato solo di pettegolezzi da cortile, mai che si siano presi la responsabilita’ di riconoscere la loro palese inabilita’ di maneggiare una squadra di calcio, da parte mia ho sempre riconosciuto al Sig. Pratico’ l’entusiasmo, ma il suo passato da presidente del C.O. della Calabria non lasciava presagire niente di buono, purtroppo le mie previsioni anche se con un po’ di ritardo si stanno maledettamente avverando, Io soluzioni non ne vedo ma sono sicuro che voi giornalisti avete le idee piu’chiare delle mie in merito, devo dire che a Reggio e’ difficile mettere in pratica quello che uno predica, anche il Sindaco che ho votato e votero, parlava di tolleranza 0 sulle montagne d’immondizia, ma le montagne sono rimaste e non ho letto da nessuna parte che c’i siano state multe o arresti.

Il fatto che la Reggina sia dovuta andare a Vibo per giocare una partita di campionato, la dice lunga sulla lungimiranza e’ presa di decisioni delle parti in causa.

Spero di sbagliarmi, ma non ho buoni presagi per il futuro prossimo o medio.

Paolo Caccamo

 

Dire che sono deluso e amareggiato è dire poco,mi chiedevo ma il signor taibi non era quello che aveva agganci con diverse squadre di serie a?ci ritroviamo con una squadra di sconosciuti e molto scarsi,questo è il mio parere personale,taibi era un buon portiere,ma come dirigente lascia molto a desiderare,probabilmente per mancanza di soldi,poi non parliamo di cevoli,come calciatore era discreto.ma come allenatore della Reggina non lo vedo,ci voleva un allenatore di categoria,anche qui per mancanza di soldi non lo abbiamo preso,e da come ho sentito da più parti sono in arrivo 8 punti di penalizzazione,mi date conferma redazione,mi sa che con questo andazzo retrocediamo direttamente in serie d,che dio ce la mandi buona,un caro saluto a tutti da

Santo di Milano

LA REDAZIONE RISPONDE: Non c'è alcuna certezza su una penalizzazione, bisogna attendere le prossime settimane. C'è il rischio, ad oggi non la certezza.

 

Gentile redazione 

la vigilia contro il Monopoli è stata alquanto scioccante. La vicenda fideiussione, infatti, non è solo grave per gli effetti e quindi le conseguenze, multa e punti di penalizzazione, ma è ancor più preoccupante per le cause. Come è possibile non aver trovato un istituto bancario o creditizio disposto a sottoscrivere la polizza ? La vera domanda da porsi è questa. E' alla luce di una risposta, che la società non ha fornito, ma che dobbiamo immaginare, salta fuori un quadro economico e finanziario del club inquietante. I risultati sportivi sono figli semplicemente di questo. Non a caso il detto cita testualmente "il pesce puzza dalla testa". La confusione di Cevoli e dei suoi ragazzi è la punta dell'iceberg ma quello che cova sotto è il vero problema. Certo una partenza migliore in campionato avrebbe alleviato le nostre preoccupazioni ma anche in questo caso mi appello ad un alto detto e sarebbe stata solo "la miglioria prima della morte". La sconfitta di ieri ci dice che per il terzo anno di fila viaggiamo nelle zone basse della classifica e che bisogna evitare i play out più che guardare ai play off, certo qualcuno potrà affermare che alla terza giornata è troppo presto per dirlo, ma le sei reti subite e soprattutto la pochezza di gioco e le qualità tecniche viste in campo non lasciano ben presagire. Se l'obiettivo non era tanto quello di raggiungere i play off quanto di riportare entusiasmo allora mi sembra che il primo fallimento sia già certificato. 

Giacomo