REGGINA - Pietro Armenise c'è ma non si vede. Mistero su mistero il suo ritorno

 di Lorenzo Vitto  articolo letto 1560 volte
REGGINA - Pietro Armenise c'è ma non si vede. Mistero su mistero il suo ritorno

Ovattato nella sede di via Petrara, in attesa di quell'ufficializzazione che tarda ad arrivare. Discorsi e incontri tanti. Pianificato pure il lavoro della nuova stagione, ma in questo momento la mente della società è occupata esclusivamente al completamento dell'organico della prima squadra e non a comunicare l'entrata di un altro volto nuovo, che poi nuovo non è. Stiamo parlando di Pietro Armenise, ex mediano della Reggina targata Benedetto-Foti. In passato ha lavorato pure per i colori amaranto, però è stato un mordi e fuggi. Nell'estate di due anni fu pure incluso nei quadri dello staff tecnico, ma strada facendo qualcosa si inceppò e niente nero su bianco. Adesso ci siamo. L'ex mediano barese ha tutta la stima della famiglia Praticò e il rapporto tra le parti va oltre la semplice amicizia. Nella rivoluzione tecnica e dirigenziale di questa caldissima estate, il primo nome in cima alla lista della dirigenza è stato quello di Pietro Armenise.

Ha conosciuto già il nuovo "mondo" Reggina, si è seduto pure a tavola e programmato il futuro. Quindi non è un azzardo scrivere che il matrimonio è già avvenuto in segreto, ma non è il momento per affiggere le pubblicazioni. Potrebbe saltare tutto sul più bello? Non crediamo. Si sta cercando per Armenise la migliore collocazione. Trovato l'accordo economico, si sta discutendo sul ruolo che lo vedrà impegnato. Responsabile del settore giovanile al posto di Sergio Campolo? Allenatore della Berretti a occupare il ruolo di Jorge Vargas? E se dovesse occupare le due caselle ancora vuote? Fitto mistero, perché un eventuale disaccordo potrebbe allungare la lista dei no incassati. Buon lavoro e in bocca al lupo Pietro Armenise. Ovunque tu ti confronterai e metterai al servizio del club la tua lunga esperienza di calciatore e allenatore.