DUE TORRI - Venuto a TuttoReggina:"Daremo battaglia agli amaranto"

Il tecnico ex Hinterreggio e Reggina Primavera pronto a sfidare la squadra di Cozza
19.12.2015 23:27 di Lorenzo Vitto   Vedi letture
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
DUE TORRI - Venuto a TuttoReggina:"Daremo battaglia agli amaranto"

Il Due Torri puó considerarsi la sorpresa del campionato di serie D girone I. L'esperto e navigato tecnico, con un master meritatamente conseguito al centro tecnico di Coverciano, Antonio Venuto nonostante le qualità, la preparazione di allenare nelle serie superiori è costretto suo malgrado a navigare nell'anonimato inferno della serie D. Ai microfoni di TuttoReggina, raggiunto telefonicamente, dice. "Noi la sorpresa del campionato? Il nostro obiettivo è la salvezza e per raggiungere 45 punti bisogna fare ancora molta strada. Il Due Torri rappresenta un paesino di 4000 abitanti (Piraino) e cercheremo di rappresentarlo nel migliore dei modi. Non miriamo minimamente alle zone alte, anche se il gruppo è composto da tanti ragazzi e siamo la più giovane squadra del torneo ('media età 20,8). Ho preferito puntare sugli over nel reparto difensivo mentre negli altri ruoli ci sono tanti under con un '98 in pianta stabile (Marino, ndr)". Con la migliore difesa del campionato e un attacco anemico sará una gara molto spigolosa per l'undici amaranto. "Il reparto offensivo non possiede un attaccante col fiuto del gol e cercheremo - continua Venuto - sempre di annullare queste lacune con la velocità e gli spazi che ci concedono gli avversari". La Reggina, in serie positiva da sei giornate, è obbligata a vincere e andare alla sosta di Natale con le ambizioni che le appartengono. "La Reggina - conclude l'ex tecnico dell'Hinterreggio - pur trovandosi indietro con la classifica è stata attrezzata per vincere il campionato e a parer mio ha tutte le potenzialità di raggiungere la meta, anche se al momento Cavese e Siracusa hanno qualche chanche in più come testimonia la graduatoria. Noi non dobbiamo snaturare il nostro gioco e scenderemo in campo con i propositi di uscire indenni da un campo che mi ricorda il mio passato sulla panchina dell'Hinterreggio dove retrocedemmo solamente perchè nelle ultime gare non ho potuto schierare la migliore formazione per via di tante squalifiche, in primis quella di Carbonaro. Un regalo che volevo fare personalmente al direttore sportivo Carmelo Rappoccio che mi ha voluto insistentemente. Un pronostico della sfida? Per noi un pareggio è come se fosse una vittoria". La squadra messinese, sottolinea l'allenatore messinese, arriverà domani mattina perché non può permettersi un ritiro a pochi passi da casa.