MA SE QUESTA E' LA CAUSA DEL CROLLO PSICOLOGICO,ATLETICO E RAZIONALE....ALLORA...

 di Franco Cleopadre  articolo letto 1489 volte
© foto di Federico De Luca
MA SE QUESTA E' LA CAUSA DEL CROLLO PSICOLOGICO,ATLETICO E RAZIONALE....ALLORA...

Il referendum mi ha assorbito, per cui sono stato assente dal commentare le ultime tre partite della Reggina. E’ dannoso per calcio, il caos che vige per il giorno e l’ora della partita,…qualcuna me la sono anche persa. Quanto era bello quando le partite si disputavano di domenica e il tifoso con l’orecchio attaccato alla radiolina, pendeva dalla labbra di Rocco Musolino e inizialmente dalla voce del caro amico defunto, Lillo Scopelliti! E’ vero che mancavano le TV e Sportube TV ,però il prezzo che paghiamo oggi è troppo alto, sia per le Società che staccano un minor numero di abbonamenti, sia per il tifoso che lavora ed è scoraggiato dal fare l’abbonamento.

Sulla Reggina attuale, il nostro direttore,Giovanni Cimino, ha lanciato un sondaggio dal titolo : REGGINA A PICCO : DI CHI LA RESPONSABILITA’? Le opzioni poste sono state tre: SOCIETA’-ALLENATORE-SQUADRA.Ad ieri i risultati dicono che LA SOCIETA’ ha il 21,86% di colpe, L’ALLENATORE IL 32,80% e la SQUADRA il 45,34%.Quindi il peso maggiore della caduta nei bassifondi della classifica è da attribuire ,secondo la maggioranza del tifo amaranto ,alla squadra. Ma il tifoso si chiede: “Cosa si è rotto dopo Caserta ?” Che fine ha fatto la bella squadra che fino allora aveva entusiasmato e facendo parte della griglia dei play off,dava la sensazione che il calcio a Reggio non solo fosse rinato, ma attirava sempre più gente al Granillo ? Forse coincide con quel periodo il momento in cui il DG Martino ha prospettato al Presidente l’ipotesi di prendere accordi con qualche calciatore per il prossimo anno e il Presidente ha risposto che se ne parlerà a Giugno e ciò ha spento l’ardore agonistico del DG e di qualche calciatore ? Ma se è questa la causa del crollo psicologico ,atletico e razionale , perché non lasciare liberi i calciatori in sofferenza,oltre a Oggiano che sembra destinato in serie D,alla Sicula Leonzio,allenata da Ciccio Cozza e qualche altro,tipo Cane e De Bode ? Come poteva pretendere qualche senatore di assicurarsi il futuro, sottovalutando il bilancio e la serietà del Presidente Praticò? Mimmo Praticò prima di essere Presidente della Reggina 1914 è un commerciante vecchio stampo, persona seria, e non ha nulla da spartire con il politico di oggi, che si vende per un piatto di lenticchie al migliore offerente! E degli uomini politici non ha di certo lo stile che si sintetizza in tre verbi : parlare, promettere,rimandare. No, per Mimmo, la parola data significa sottoscrivere un contratto e se sa di non poterlo onorare rinuncia. E’ fuori dubbio,la sua fede amaranto dimostrata nell’ultima fase della gestione Foti, dove ha accompagnato la squadra in tutte le trasferte. Il DG Martino, ha cercato di portare avanti il suo progetto, ovvero costruire dal basso una squadra in grado di competere con formazioni meglio attrezzate, ma si è scontrato con la realtà che costringe anche le grosse Società a fare i conti, prima con i bilanci e poi con i progetti, come Roma.Inter e Milan c’insegnano.

Il tifoso saprà che l’iscrizione alla Lega Pro, ha comportato dei costi,come anche le spese legali e l’utilizzo del Sant’Agata,oltre ai costi di gestione ordinaria ,e le casse della Società non sono un pozzo senza fondo. Una ipotesi di soluzione potrebbe essere sfoltire il più possibile l’attuale rosa e rimpiazzarla con dei prestiti…ove possibile…anche al fine di fare uscire la squadra dall’attuale stato di depressione,fisica,psichica e razionale nella quale è caduta.

Problema allenatore:Se la squadra fino a metà Ottobre è andata bene con Zeman, non vediamo perché non potrebbe riprendere la marcia con altra gente motivata e non coinvolta in polemiche o attese/illusioni future. Zeman , come il padre ,non ha peli sulla lingua e se in qualche occasione si è espresso in forma negativa l’avrà fatto sicuramente ritenendo la misura già colma. Restituiamo i prestiti,di gente che non risponde alle attese, rescindiamo qualche contratto non rispondente e rimpiazziamolo con elementi che considera già un traguardo l’essere giunto il Lega Pro.Forse, così si ricostruirebbe quel tessuto,che il tifoso considera logoro e sfilacciato,con buona pace per tutti.Se poi non si riuscisse a ritrovare l’armonia tra i membri della stessa famiglia,allenatore,dirigenti e squadra non c’è che aspettare …il futuro…

Sulla partita di Pagani,stendiamo un velo pietoso. Anche quei calciatori che ieri rappresentavano una sicurezza,sono apparsi balbettanti,senza idee, con l’unico obiettivo di liberarsi il prima possibile della palla,non pensando a costruire gioco, per non assumersi responsabiltà,… al contrario della fascia sinistra della Paganese dove Reginaldo e C sono apparsi dei fenomeni nel saltare come birilli i centrocampisti e difensori avversari.Se si fossero contate sarebbero risultate di più le palle perse o consegnate all’avversario, niente geometrie in campo, ma solo dormite generali, come nell’occasione della prima rete di Camilleri da parte di Kosnic o di Sala da parte dell’autorete dello stesso Kosnic. Non comprendiamo anche perché i nostri difensori e centrocampisti in più occasioni devono rallentare l’azione facendo dei giochetti in orizzontale, al posto del passaggio filtrante. I calciatori sono uomini e vivono di stati d’animo per cui è indispensabile nutrire lo spirito con il giusto atteggiamento e molta determinazione.

Ciascun addetto ai lavori dovrebbe fare sua la massima: LA FIDUCIA IN TE STESSO FA LA TUA FORTUNA E CONTAGIA CHI TI E' VICINO Auguri Reggina 1914 in tutte le tue componenti.