LA REGGINA DOPO IL KO CONTRO IL SIRACUSA: RISPETTO ALLA SCORSA STAGIONE...

10.11.2017 20:27 di Franco Cleopadre   Vedi letture
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
LA REGGINA DOPO IL KO CONTRO IL SIRACUSA: RISPETTO ALLA SCORSA STAGIONE...

“Passare sotto le forche caudine” indica ,con una breve espressione, chi subisce una grave mortificazione senza possibilità di alternative. E la Reggina prima degli incontri con Francavilla ,Cosenza ,Trapani,Monopoli,Catania ,Caserta,Siracusa rappresentava una grande incognita, dove tutti ...,tifo,massa media e Società,attendevamo di sapere se, la squadra costruita, con il nuovo progetto, fosse carne o pesce.

Non ci siamo passati, indenni da queste forche, e tra questi 7 incontri...pesano...ancora le sconfitte interne, subite ad opera dei cugini cosentini,e aretusei, mentre la partita di Trapani, persa con tre goal sul groppone era preventivata ... ”

La squadra fino a sabato ,stava consegnando soddisfazioni a dispetto di tutti i circa 3000 tecnici che ci sono a Reggio...tranne che nel confessare nelle più disparate occasioni ,che al campo non ci vengono,prima per Foti e ora per Praticò. Questi pseudotifosi che godono del “ mito della scienza infusa” amano sentirsi importanti spargendo intorno ad essi...“ fumo con la manovella “...ovvero chiacchiere,chiacchiere e niente altro che chiacchiere....facendo più o meno la figura del grillo parlante di Collodiana memoria.E' famosa la frase di Pulcinella quando disse : SCINDI E FALLA TU.

Spesso, questa sottospecie di pseudo tifosi crollano, quando ignorano il corrispettivo termine italiano di un termine dialettale...a differenza dell’attuale Presidente della Reggina 1914,quel Mimmo Praticò che non vuole prendere per i fondelli i tifosi, facendo promesse, che non sa se potrà mantenere .

Il Presidente Praticò ha il solo torto di essere molto sincero dal momento in cui rilascia dichiarazioni ,agli organi d’informazione, che secondo il codice del commercio, sono indici di serietà,mentre qualcuno le scambia per indici di debolezza. L’unica differenza che riusciamo a cogliere tra la Reggina del dell’anno scorso e quella di quest’anno, risiede nella differente classifica.L’anno scorso alla 12 di campionato,avevamo 11 punti e quest’anno ne avevamo 16 con il 7°posto in classifica,prima della sconfitta con il Siracusa, cioè in piena zona play off .Dopo la batosta con il Siracusa,siamo ancora in piena zona play off al pari di Matera-Rende e Juve Stabia,formazioni che hanno speso per allestire le loro squadre ,nell’ordine 3,73 milioni, 2,18 mil. 4,28 milioni.

L’anno scorso Possenti è sparito senza che nessuno reclamasse per la sua assenza e Romanò, Carpentieri ,Mazzone,Lancia ,De Bode,Tommasone,,Lo,hanno fatto solo qualche fugace apparizione,senza lasciare il segno,pur essendo a carico del bilancio della Reggina ...e tutto andava bene.

A proposito della chiusura della curva della partita contro il Siracusa .Chi è colpa del suo mal,pianga se stesso, recita un noto proverbio .Se si commette un reato,è molto comodo far pagare la società e chi commette il reato, farla franca, per cui non ci dispiace, se una volta a pagare le conseguenze del reato, sia chi l’ha commesso. Siamo rammaricati per coloro ,che vanno in curva e che pagano, pur non essendosi macchiati di nessun reato...e tra questa gente c’è ne è tanta  che paga per colpe non sue .E’ inutile aggrapparsi agli specchi.La gente non è cretina, come crede qualche saputello.

Comunque,della prova offerta contro il Siracusa,ci piaciuto inzialmente Di Livio e poi il portiere Cucchietti .Diceva il buon Nereo Rocco,che in una squadra tre sono gli elementi importanti: un buon portiere,un uomo forte a centrocampo ed uno che la mette dentro.Cucchietti,De Francesco,Bianchimano. Sabato 11 la squadra osserverà un turno di riposo,per poi sabato 18 alle 20:30 affrontare la corazzata Lecce.Per affrontare la prima della classe occorrono lucidità,mente sgombra da pressioni, fiducia e autostima e siamo certi che con queste caratteristiche la Reggina disputerà a Via del Mare,una partita intelligente..Ragazzi avete affrontato tutte le prime della classe e non avete fallito,mettete ancora del fieno in cascina e sarete la rivelazione del torneo.